Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'episodio in via Lungosile Mattei, indaga la polizia: telecamere al setaccio

RAPINATO DALLA BABY GANG: VOLEVA RESTITUIRE UN I PHONE

Studente trova un telefonino per terra, aggredito e derubato


TREVISO - Aveva trovato per terra, lungo via Lungosile Mattei, un telefono I-phone forse perso da un passante poco prima e che voleva rendere al proprietario. Questo gesto di civiltà si è trasformato in un vero boomerang per uno studente trevigiano di 16 anni che è stato minacciato, spintonato e picchiato da un gruppetto composto da tre, quattro giovani marocchini. Il ragazzo, derubato dello smartphone appena trovato, ha contattato subito il 113 ma all'arrivo della volante i suoi aggressori si erano già dileguati. Sull'episodio indaga ora la polizia che dovrà cercare di far maggior luce su quanto accaduto: un aiuto alle indagini potrebbe arrivare dai filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona.