Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, operazione della squadra mobile e della polizia stradale, 31 denunciati

RICICLAGGIO DI AUTO DI LUSSO SGOMINATA LA GANG DEGLI ZINGARI

Tre arrestati, in cella anche un 25enne trevigiano, Ivan Baricevic


TREVISO - Un'organizzazione, dai meccanismi ben oliati, specializzata nel riciclaggio di veicoli di lusso frutto di furti e truffe. A disarticolarla è stata la squadra mobile di Treviso con la collaborazione delle polizie stradali di Treviso e Udine. A comporre il gruppo criminale erano: un nomade trevigiano residente a Santa Bona in via dei Biscari, Ivan Baricevic, 25 anni, e due friulani residenti a Lignano, Mauro Sileno e Samil Huseinagic, di 42 e 36 anni. Per tutti, accusati di truffa, furto e ricettazione, si sono aperte le porte del carcere mentre altre 28 persone sono state denunciate tra cui un nomade 48enne di Ponzano, braccio destro di Baricevic: facevano parte della fitta rete di collaborazione con l'organizzazione. In pochi mesi la banda era riuscita a far sparire, reimmatricolare e rivendere ad ignari acquirenti ben 24 vetture di pregio, la maggior parte Bmw: le vetture, quasi tutte recuperate, avevano fruttato un guadagno di circa 720mila euro. Ben precisi i ruoli nella banda: Baricevic aveva il compito di procurarsi le vetture attraverso furti e truffe mentre i due complici si occupavano dei trasferimenti delle auto verso l'estero ed in particolare verso la Slovacchia. I veicoli infatti venivano “ripuliti”, clonando i numeri di telaio con altri già esistenti, spediti all'estero per ottenere della nuova documentazione e fatti tornare in Italia. Lo stesso metodo veniva utilizzato anche per le auto provenienti dalla Slovacchia che venivano ripulite nel nostro Paese e poi messe in vendita. La banda si serviva, hanno accertato gli investigatori, di un'agenzia di pratiche auto di Latisana per la reimmatricolazione dei mezzi. I veicoli venivano poi rivenduti ad un prezzo inferiore del 30% prezzo di listino: tra le persone incaricate della vendita c'era anche il titolare di un autolavaggio di Lignano. A dare il via alle indagini era stata la squadra mobile di Treviso.