Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Silea, bollette non pagate per 1500 euro da aprile a settembre, 66enne nei guai

IL LOCALE FALLISCE, TITOLARE "RUBA" L'ACQUA: DENUNCIATO

Viola i sigilli al contatore e con un bypass collega la sua abitazione


SILEA - Il suo locale di Silea era fallito e di conseguenza il contatore dell'acqua, proprio per questo motivo, era stato piombato. Il titolare, un 66enne del luogo che vive proprio poco distante, ha pensato bene di rompere i sigilli e, attraverso un tubo bypass, rifornire la propria abitazione. Per questo motivo l'uomo è stato denunciato dai carabinieri di Silea per furto d'acqua. Il 66enne era infatti riuscito ad accumulare un debito con la società "Sile Piave" di oltre 1500 euro che ora sarà costretto a risarcire. Secondo quanto è stato accertato dagli investigatori l'ex barista avrebbe indebitamente rifornito d'acqua la sua abitazione tra lo scorso mese di aprile e settembre.