Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un operaio 54enne di Conegliano era rimasto vittima di un infortunio nel 2008

ACCUSA GLI EX DATORI DI LAVORO, ASSOLTO DALL'ACCUSA DI CALUNNIA

L'inchiesta per lesioni colpose ai titolari venne archiviata


CONEGLIANO - (gp) Prima rimane vittima di un infortunio sul lavoro facendo finire sotto inchiesta per lesioni colpose i suoi titolari. Il fascicolo venne archiviato sulla base della relazione dello Spisal che non aveva riscontrato violazioni sulle norme contro gli infortuni sul lavoro dell'azienda e lui, un operaio di 54 anni, finì di conseguenza sotto indagine per calunnia, ricevendo un decreto penale di condanna di cinque mesi e dieci giorni di reclusione, convertiti in 6.800 euro di pena pecuniaria. Presentata opposizione al provvedimento con l'avvocato Rosa Parenti, l'uomo è stato assolto ieri mattina dal giudice Silvio Maras. Il motivo? I controlli sul rispetto delle norme di sicurezza sarebbero stati fatti soltanto un anno e mezzo dopo i fatti. Ci sarebbe stato insomma tutto il tempo per mettere a norma l'azienda coneglianese. L'infortunio risale alla fine del 2008. L'operaio, che spostando un carrello si procurò un'ernia discale a livello lombare, presentò una denuncia querela il 28 dicembre contro i suoi datori di lavoro. Accusò i responsabili della ditta di “assenza di qualsivoglia istruzione, corso di preparazione, avvertenza particolare nell'uso della macchina e la mancata esecuzione di visite mediche”. Accuse che per la Procura risultarono non solo infondate, ma addirittura inventate, tanto da procedere proprio contro colui che era rimasto vittima di quell'infortunio. Stando a quanto sostenuto dalla difesa dell'uomo, che dopo il fatto rimase a casa in malattia, al rientro al lavoro venne anche stato licenziato per giusta causa. La decisione del giudice di accogliere l'opposizione al decreto penale e assolvere l'operaio, secondo l'avvocato Parenti potrebbe far ripartire il caso a livello penale, riaprendo un fascicolo per lesioni colpose a carico dei due ex datori di lavoro del 54enne.