Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo verdetto per Silvia Canzian, 49enne di San Vendemiano in aula per bancarotta

BUCO DA MEZZO MILIONE DI EURO NELLA DITTA DI FAMIGLIA: DUE ANNI

A maggio l'altro processo: 3 milioni sottratti alla Omc di Colle Umberto


SAN VENDEMIANO – (gp) Primo verdetto a carico di Silvia Canzian, la 49enne di San Vendemiano accusata di aver sottratto quasi 3 milioni di euro dall'azienda per cui lavorava, la Omc di Colle Umberto, per comprarsi abiti di lusso delle più pregiate griffe di alta moda oltre a un'Audi A6 Allroad, e aver dirottato sul proprio conto corrente personale circa 110 mila euro. La donna, che per quel procedimento verrà giudicata con rito abbreviato a maggio, ha rimediato una condanna a due anni di reclusione, con doppi benefici di legge, per le accuse di bancarotta e falso. Una vicenda che riguardava un “buco” di mezzo milione di euro dell'azienda di famiglia, la Idrotermica Sicaf di Santa Lucia di Piave dichiarata fallita il 31 gennaio 2007. Il pm Valeria Sanzari, titolare delle indagini, aveva chiesto una condanna a quattro anni di carcere. A conti fatti la difesa, rappresentata dall'avvocato Patrizia Vettorel, si è detta soddisfatta del risultato ottenuto annunciando ricorso in appello una volta depositate le motivazioni. Stando alle accuse Silvia Canzian avrebbe prelevato 70 mila euro dal conto corrente intestato alla Idrotermica Sicaf, 104 mila pari al debito maturato nei confronti dell'Inail per i contributi dei lavoratori del periodo 1999-2004, e si sarebbe intascata 394 mila euro corrispondenti all'apparente oggetto di alcune deleghe bancarie. Oltre alla bancarotta, era chiamata a rispondere del reato di falso perché avrebbe formato falsi modelli di pagamento e timbri di banche, attestanti l'avvenuta ricezione di pagamento delle somme destinate ai lavoratori.