Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Secondo la Confartigianato interessate 300 aziende nella Marca

L'INPS CHIEDE ALLE PMI TREVIGIANE DI RESTITUIRE 2 MILIONI DI EURO

Sono gli sgravi fiscali legati alla mobilitą per le piccole ditte, ora abolita


TREVISO - L'Inps chiede alle aziende artigiane della Marca di restituire quasi due milioni di euro. Si tratta contributi non versati, in base alle agevolazioni fiscali per chi assumeva un lavoratore licenziato da un'altra piccola impresa artigiana, industriale o commerciale. Per le ditte che davano un nuovo impiego ai soggetti iscritti nelle liste di mobilità, provenienti dalle pmi, infatti, era prevista una riduzione degli oneri contributivi al 10% del lordo mensile, rispetto al 30% standard. Secondo i calcoli della Confartigianato della Marca, il risparmio per l'azienda si aggirava tra i quattro e i seimila euro all'anno, in base alla qualifica del dipendente. Ora però la riforma Fornero, ha di fatto cancellato la mobilità per gli ex lavoratori delle piccole imprese dal primo gennaio 2013. Così l'Inps, con una circolare del 25 ottobre, ha chiesto il pagamento degli sgravi fiscali goduti nel 2012 dalle aziende che avevano riassunto uno di questi addetti. Nella Marca, sempre secondo l'associazione artigiana, potrebbero essere interessate circa 300 ditte, per un "rimborso" complessivo di quasi due milioni di euro. Una ulteriore mazzata per le imprese, già in forte difficoltà, accusano dalla Confartigianato, criticando duramente soprattutto la retroattività delle richieste dell'ente previdenziale.