Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, dopo il raid di furti in via Boiago i malviventi sono stati notati dal parroco

LADRI DI BICI E CIBO INCASTRATI DAL DON MATTEO DI SAN GIUSEPPE

Arrestati dai carabinieri due fratelli dominicani di 25 e 26 anni


don Matteo Gatto TREVISO - Nella notte tra sabato e domenica hanno fatto razzia nei garage di alcuni condomini di via Boiago rubando un pò di tutto: biciclette, sci, scarponi, borsoni di abiti ma anche bibite e cibo surgelato dai frigoriferi. I ladri, due dominicani di 25 e 26 anni, pensando ormai di averla fatta franca, hanno fermato la loro auto nel piazzale della vicina chiesa di San Giuseppe. I malviventi volevano sistemare meglio la refurtiva a bordo della loro vecchia Volkswagen Polo ma proprio questa sosta, alle 8 del mattino, è stata loro fatale. Il parroco di San Giuseppe, don Matteo Gatto, ha notato i due stranieri e prima che loro si allontanassero ha annotato il numero di targa ed avvertito il 112. Il sacerdote si era infatti insospettito dalla cospicua presenza di biciclette ed altro materiale all'interno della vettura. La sua intuizione si rivelerà decisiva. Alcune ore dopo i carabinieri hanno fermato i caraibici mentre stavano per raggiungere la loro abitazione a San Biagio di Callalta, in via Marconi. In auto il bottino del raid in via Boiago mentre in casa è stata trovata anche altra refurtiva. Per entrambi sono scattate le manette: attualmente si trovano rinchiusi nel carcere di Santa Bona.

Galleria fotograficaGalleria fotografica