Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, la societā di famiglia era finita nel mirino degli inquirenti napoletani

CRAC ENERAMBIENTE, STEFANO E MARIA GAVIOLI VERSO IL PROCESSO

Chiuse le indagini: la 38enne si era detta estranea alla vicenda


TREVISO - La Procura di Napoli ha chiuso le indagini nei confronti di Stefano e Maria Gavioli e per entrambi ora si profila il processo. L'imprenditore trevigiano 55enne e la sorella 38enne finiranno di fronte al giudice per il crac milionario della “Enerambiente”, la società di famiglia che gestiva la raccolta e il trasporto dei rifiuti a Napoli. Maria Gavioli, difesa dall'avvocato Fabio Crea, era stata interrogata lo scorso anno dal gip del tribunale di Napoli ed aveva ribadito la sua completa estraneità alla vicenda. Raccontando del rapporto conflittuale con il fratello Stefano, aveva sottolineato come il denaro da lei utilizzato era di proprietà personale derivante dalla sua attività di modella, e quando le spese da sostenere, anche a fronte della vita agiata che conduceva e che conduce, erano superiori alle sue possibilità, chiedeva aiuto ai genitori. Nonostante ciò sia “Lady Gavioli” che il fratello Stefano finiranno a giudizio.