Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Latina, il professionista coneglianese era stato ucciso, incendiata la sua auto

OMICIDIO DI LATINA, FERMATO L'OMICIDA DELL'ENOLOGO CAPPIA

Il killer sarebbe un ex dipendente, il 55enne Giuseppe Ruggero


LATINA - Fermato dai carabinieri il presunto assassino di Ulderico Cappia, l’enologo di Conegliano di 57 anni ucciso il 4 settembre scorso a Itri, in provincia di Latina. Si tratta di un 55enne del luogo, Giuseppe Ruggeri che era stato sospettato dagli investigatori fin dal prime fasi dell'indagine. Il professionista trevigiano, da un decennio residente in Lazio, ma con parenti e una figlia nella Marca, era stato assassinato con un colpo di pistola alla testa e poi carbonizzato nella sua auto, una Fiat 500 L. Sembra che tra il presunto omicida e la vittima ci fossero stati dissapori dopo il licenziamento dell'operaio da parte dell’enologo. Qualche giorno prima di essere ucciso, fra l’altro, Cappia aveva denunciato proprio l’ex dipendente dell’azienda agricola.