Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il killer di Eliseo David era finito alla sbarra per rispondere del reato di truffa

INCIDENTI STRADALI SULLA CARTA: ALTRI SEI MESI A GENNARO GEREMIA

Falsificando una ventina di libretti di circolazione, simulava i sinistri


VAZZOLA – (gp) Dopo aver incassato la conferma della Corte d'Appello di Venezia della condanna all'ergastolo e a sei mesi di isolamento diurno per l'omicidio di Eliseo David, il 72enne narcotizzato e ucciso nella sua casa di Campolongo di Conegliano la notte tra il 15 e il 16 settembre 2010, Gennaro Geremia ha patteggiato altri 6 mesi di reclusione. Il 50enne di Visnà di Vazzola era finito alla sbarra per rispondere dell'accusa di truffa. Stando a quanto sostenuto dagli inquirenti, Geremia (assieme alla moglie Anna Maria Volpe che lui stesso ha scagionato in aula)avrebbe messo in atto un raggiro di quasi 20 mila euro ai danni di una compagnia assicurativa di San Polo di Piave. Secondo le accuse, falsificando i libretti di circolazione di 20 tra auto e moto e stipulando presso l'agenzia “Valpiave assicurazioni spa” altrettante polizze assicurative, Geremia avrebbe simulato un numero non meglio precisato di incidenti stradali di media entità (all'incirca mille euro di danni a sinistro) allo scopo di incassare il rimborso economico erogato direttamente dalla compagnia assicurativa. Una condotta che sarebbe andata avanti per un mese, dal 26 marzo al 22 aprile del 2009, rispettivamente i giorni del primo e dell'ultimo incidente simulato. A denunciarli era stata la stessa compagnia assicurativa tramite l'agente generale della Valpiave, parte offesa a processo, che aveva sporto querela nei confronti di Geremia e della moglie il 18 giugno 2009, dando di fatto il via alle indagini.