Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Disposto il non luogo a procedere per i legali rappresentanti della Base spa

TOMBINO SCHIACCIA UN PIEDE A UN OPERAIO: TITOLARI PRESCRITTI

Si erano opposti a un decreto penale di condanna per lesioni colpose


PONTE DI PIAVE – (gp) Non doversi procedere per estinzione del reato per intervenuta prescrizione. Questa la sentenza emessa dal giudice Leonardo Bianco in merito al procedimento penale a carico di G.B., 52 anni, e di A.B., 50 anni. Il processo nei confronti dei legali rappresentanti della ditta Base spa di Treviso, accusati di lesioni colpose (accuse che hanno sempre respinto tanto da opporsi al decreto penale di condanna che ora è stato revocato), è stato di fatto cancellato a causa della lunghezza dei tempi giudiziari per arrivare al pronunciamento di una sentenza. L'episodio contestato risaliva infatti al 22 dicembre 2005. Un 45enne vittoriese stava eseguendo dei lavori a Ponte di Piave per conto della ditta tra cui lo spostamento di un tombino di 40 chili. Nel farlo avrebbe perso la presa e il tombino gli sarebbe finito su un piede provocandone lo schiacciamento e la frattura delle dita. Dopo le cure in ospedale, partì anche l'inchiesta delle procura. Il risultato fu un decreto penale di condanna per lesioni colpose perchè, secondo gli inquirenti, la vittima stava lavorando senza gli abiti e le calzature previste dalle norme in materia di sicurezza sul lavoro. Attrezzature che, per l'accusa, i titolari non avrebbero messo a disposizione del dipendente.