Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa un 38enne che avrebbe raggirato due aziende agricole di Asolo

BOVINI ACQUISTATI CON ASSEGNI SCOPERTI: DAL GIUDICE PER TRUFFA

Il danno stimato dalla Procura è di poco superiore ai 36 mila euro


ASOLO - (gp) Torna in aula il processo per l'acquisto di bovini e torelli pagati con assegni risultati poi scoperti. In sintesi è la vicenda che ha fatto finire di fronte al giudice il 38enne F.C., nato a Torri in Sabina ma residente a Vacone (Rieti), difeso d'ufficio dall'avvocato Andrea Zambon. Vittime del suo presunto raggiro sarebbero state due aziende agricole di Casella d'Asolo che lo hanno denunciato, i cui rappresentanti dovranno essere sentiti come testimoni nel corso della prossima udienza, fissata ad aprile. I fatti contestati risalgono all'estate del 2006. Stando a quanto riportato nel capo d'imputazione, l'uomo avrebbe ottenuto la fiducia dei titolari delle due aziende agricole acquistando 7 bovini, pagando con un assegno risultato regolare e coperto. Poi, forte di quel primo affare, secondo gli inquirenti avrebbe fatto altri tre acquisti di bestiame: 22 torelli l'8 luglio 2006 e 19 bovini il 22 e il 29 luglio seguenti. Una vendita che avrebbe portato nelle casse delle aziende agricole 19.928 euro per i torelli e 16.748 per i bovini. Ma al momento di incassare gli assegni, i titolari avrebbero scoperto di essere rimasti con in mano un pugno di mosche. Immediata scattò quindi la denuncia per truffa nei confronti dell'imputato.