Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La proposta dell'eurodeputato trevigiano Giacarlo Scottà

DESTINARE AI POVERI I PRODOTTI SEQUESTRATI NEGLI AEROPORTI

"Avvilente cestinare bevande e cibi ancora integri"


BRUXELLES - Che fine fanno le bevande e gli altri prodotti ritirati ai passeggeri negli aeroporti europei? Lo ha chiesto l'europarlamentare trevigiano Giancarlo Scottà alla Commissione della Ue con un'interrogazione parlamentare. Le normative, sottolinea il deputato europeo, stabiliscono solo quali tipologie non possono essere portate a bordo dei velivoli, ma non dicono nulla sul loro trattamento una volta bloccati al check-in. In Italia, sono le singole società di gestione degli aeroporti ad occuparsene. “E' avvilente che vengano cestinati prodotti perfettamente utilizzabili, tra cui bevande, cibi semisolidi, prodotti cosmetici e tanti altri ancora – sottolinea Scottà -, quando vi sono milioni di persone disagiate e meno abbienti che ne avrebbero bisogno e alle quali potrebbero essere donati attraverso degli accordi, regolati dalla Ue, tra gli aeroporti e gli organismi di volontariato”. Per questo l'ex sindaco di Vittorio Veneto ha invitato Bruxelles ad armonizzare i diversi sistemi di gestione di questi articoli, mettendo a punto delle procedure perchè possano essere destinati ad enti benefici e così riutilizzati.