Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il processo a carico della direttrice Elda Masi rischia infatti di finire in prescrizione

MALTRATTAMENTI ALL'OPERA PJ, LE VITTIME: "VOGLIAMO GIUSTIZIA"

La difesa dell'imputata ha presentato una lista testi di 64 persone


TREVISO – (gp) “Non vogliamo soldi, vogliamo solo giustizia”. Lo gridano a gran voce le parti civili nel processo a carico di Elda Masi, la dirigente della struttura Opera Pj finita di fronte al giudice per l'accusa di maltrattamenti nei confronti di alcuni ospiti della struttura. A maggior ragione vista la mannaia della prescrizione: il non doversi procedere per l'imputata scatterà infatti a metà del 2017. Mancano tre anni e mezzo, ma il calendario delle udienze potrebbe far finire il procedimento penale con un nulla di fatto. La difesa dell'imputata, rappresentata dall'avvocato Fabio Pavone, ha presentato una lista testi di 64 persone che inizieranno a essere sentite nel giugno 2014. A dicembre verrà invece ascoltato l'ultimo testimone dell'accusa e della parte civile, rappresentata dall'avvocato Enrico Villanova. Lo stesso giorno in cui verrà sentita in aula la stessa Elda Masi, al momento inchiodata alle proprie responsabilità secondo quanto riferito in aula da educatori e ospiti della struttura di via Zermanese.