Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Susegana: 300 barbatelle da prosecco sarebbero state rubate e ripiantate

VIGNE CONTESE: AGRICOLTORE SOTTO ACCUSA PER RICETTAZIONE

Il diretto interessato nega, ma la vittima le riconosce dalla potatura


SUSEGANA – (gp) Compra 300 barbatelle da prosecco, le pianta nel proprio campo e finisce a processo per ricettazione. Già, perchè quelle viti erano provento di furto (almeno questo sostiene l'accusa) e sarebbero state rubate da un altro campo, sempre a Susegana, la cui proprietaria le avrebbe riconosciute nel terreno di un agricoltore poco distante dai suoi poderi. La donna, che si è costituita parte civile chiedendo un risarcimento danni (si aggira attorno ai 1.200 euro il valore delle barbatelle), avrebbe riconosciuto le piante attraverso la particolare potatura che era stata effettuata su di esse. L'imputato, caduto dalle nuvole quando i carabinieri fecero un sopralluogo nei suoi campi presentandogli poi la denuncia per ricettazione, si dice del tutto innocente in quanto lui non avrebbe mai rubato nulla a nessuno. E quelle barbatelle sarebbero state regolarmente comprate a 2 euro l'una. Il caso tornerà in aula a febbraio.