Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 43enne di Godega Sant'Urbano accusato di truffa ai danni dell'assicurazione

FULMINI SUGLI ELETTRODOMESTICI: UN RAGGIRO DA 40 MILA EURO

Simulava incidenti domestici per incassare il premio assicurativo


GODEGA SANT'URBANO - (gp) Nuova udienza del procedimento penale a carico del 43enne di Godega Sant'Urbano finito di fronte al giudice per rispondere dei reati di truffa ai danni dell'assicurazione, danneggiamento fraudolento e simulazione di reato. In aula è stato sentito il primo testimone del pm Valeria Sanzari, che in sostanza ha sostenuto le accuse (anche se alcune ipotesi non sarebbero state confermate) mosse nei confronti dell'imputato il quale, difeso dall'avvocato Davide Favotto, continua a respingere con forza ogni addebito. Stando alla ricostruzione della Procura di Treviso, l'uomo avrebbe stipulato polizze assicurative sulla casa per danni da fenomeni elettrici e avrebbe simulato incidenti domestici dovuti a temporali, fulmini e corto circuiti per incassare il premio. Un “trucchetto” (così lo hanno definito gli inquirenti) che gli avrebbe fruttato circa 40 mila euro, il corrispettivo per i 19 eventi accertati dalla Polizia di Stato della Procura dal 2004. Il 43enne, risultando per l'accusa proprietario di 4 abitazioni nella destra Piave e di una a Bibione, avrebbe stipulato polizze assicurative con i più grandi gruppi italiani (Axa, Cattolica, Allianz, Aviva, Uniqa e Unipol) e poi, ogni volta che si verificava un temporale, avrebbe affermato che un fulmine aveva distrutto gli elettrodomestici di una delle sue case, presentando poi la richiesta di incassare il premio. Ai periti delle assicurazioni che uscivano per constatare i danni (al frigorifero piuttosto che al condizionatore, al televisore o all'impianto elettrico) avrebbe mostrato sempre gli stessi elettrodomestici bruciati. Per coprire la presunta truffa, avrebbe poi falsificato i documenti di vendita e di riparazione degli stessi, oltre che le fatture, in modo da garantire che ogni volta venivano colpiti elettrodomestici nuovi o riparati. Si torna in aula a fine febbraio.