Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Carlo Viel (Uil): "Senza risposte rapide, pronti a bloccare il paese"

LA PROTESTA DEI LAVORATORI: 250 AL PRESIDIO IN PIAZZA BORSA

Alta adesione allo sciopero nelle grandi industrie e nel pubblico


TREVISO - Una prima iniziativa di sensibilizzazione, ma presto, se non vi sarà a breve un'inversione di tendenza, potrebbe seguire una mobilitazione generale. Anche nella Marca è andato in scena lo sciopero generale indetto da Cgil, Cisl e Uil su scala nazionale, per protestare contro la Legge di Stabilità. Circa 250 i lavoratori ritrovatisi in piazza Borsa, nel capoluogo, dove i sindacati confederali hanno dato vita ad un presidio. Due altri sit-in sono stati organizzati ad Oderzo e a Montebelluna. I conteggi precisi sono tuttora in corso, ma l'adesione all'astensione dal lavoro è giudicata elevata nel settore pubblico, dei servizi e dei trasporti, oltre che nelle grandi industrie, in particolare quelle con vertenze già in corso, come Electrolux, mentre la partecipazione è risultata più ridotta nelle piccole e medie imprese, "anche a causa della delicata situazione che queste aziende già vivono - spiegano i confederali - e delle difficoltà economiche dei lavoratori stessi". Nei tre centri, salvo una breve introduzione, si è preferito non prevedere discorsi ufficiali, ma lasciare il microfono a lavoratori comuni. A Treviso, ad esempio, si sono alternati Giorgio Donadel, dei bancari della Uil, Michela Iabichella, della Funzione Pubblica Cgil, e Carla Scattolin, in rappresentanza della Fisascat Cisl. Quest'ultima dipendente a part-time di una ditta che cura il servizio mensa in varie scuole, ha raccontato di essere l'unica a lavorare in famiglia, con un stipendio di 500 euro al mese, poichè il marito da oltre un anno e mezzo è stato messo in cassa integrazione.