Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per i sindacati rischio delocalizzazione nell'Europa dell'Est

ELECTROLUX CONFERMA GLI ESUBERI LE TUTE BLU OCCUPANO LA STRADA

Al vertice di Berlino, l'azienda ribadisce il piano di riassetto


SUSEGANA - L'Electrolux procederà con il piano di riassetto. Nella riunione del Comitato aziendale europeo, tenutasi a Berlino, i vertici del colosso svedese hanno confermato la volontà di procedere con mille esuberi negli stabilimenti del vecchio continente, di cui circa 200 in Italia. Secondo i confederali, la multinazionale non avrebbe escluso la possibilità di trasferire in Polonia ed Ungheria interi siti produttivi. In risposta alle notizie provenienti dalla Germania, i lavoratori, oltre allo sciopero generale indetto da Cgil, Cisl e Uil, hanno occupato la statale Pontebbana.