Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte di Cassazione rigetta il ricorso e fa passare in giudicato la sentenza

PENA DEFINITIVA A 14 ANNI PER LA "ZIA KILLER" ANGELA GALLINA

La 63enne pordenonese spar˛ al nipote Antonello Benigno Gallina


MOTTA DI LIVENZA – (gp) Pena definitiva per Angela Gallina. La 63enne di San Cassiano di Pordenone, ribattezzata “la zia killer” che il 28 novembre 2009 uccise con un colpo di pistola alla schiena Antonello Benigno Gallina, 46enne di Motta di Livenza, dovrà scontare 14 anni di reclusione. Il passaggio in giudicato della sentenza di secondo grado, ridotta di 3 anni rispetto ai 17 del primo, è stato sancito dalla Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso presentato dai legali della donna, gli avvocati Remo Anzovino e Paolo Dall'Agnolo, divenuti difensori di fiducia soltanto nel processo d'appello. “Siamo soddisfatti sia dell'importante riduzione di pena ottenuta in secondo grado sia perchè è stata accolta la nostra tesi in merito al movente non patrimoniale e al fatto che la capacità di intendere e di volere della signora fosse stata intaccata da un grave stress psicologico derivante dal rapporto con il nipote – ha affermato l'avvocato Anzovino – Sicuramente se fossero state fatte in primo grado le scelte del rito abbreviato e dell'effettuazione di una perizia psichiatrica si sarebbe potuto contenere ulteriormente la pena”.