Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Piazza dei Signori: la protesta contro lo sgombero della caserma Salsa

ZTL LANCIA UOVA E FUMOGENI, LA POLIZIA CARICA: ╚ SCONTRO!

Trenta attivisti presenti, forze dell'ordine in assetto antisommossa


TREVISO – (gp) I ragazzi del Collettivo Ztl provocano, e la polizia risponde con una carica (Guarda il video). Quella che doveva essere una protesta pacifica contro lo sgombero della caserma Salsa di Santa Maria del Rovere, si è trasformata in un muro contro muro in piazza dei Signori, sotto la sede della Prefettura. Dopo slogan gridati al megafono (assieme alle ragioni della protesta) e striscioni srotolati per scagliarsi contro la decisione del viceprefetto Pietro Signoriello di far concludere l'occupazione dopo 10 giorni, i ragazzi del collettivo volevano appendere sulla cancellata della Prefettura una “stella da sceriffo” in cartone perchè, dopo Gentilini, secondo Ztl sarebbe il viceprefetto il nuovo “sceriffo” della città. Di fronte all'opposizione delle forze dell'ordine, una quindicina di ragazzi del collettivo ha iniziato a lanciare uova e fumogeni contro l'ingresso della prefettura (e contro le forze dell'ordine), ha poi cercato lo scontro con la Polizia che ha reagito caricando tutti in assetto antisommossa, manganelli alla mano. Non ci sono comunque stati feriti.

Caner (Lega Nord): solidarietà alle forze dell'ordine. “In vent’anni mai si era vista una cosa del genere a Treviso: i centri sociali protagonisti in piazza dei Signori di un assalto da guerriglia contro la Prefettura, colpevole solo di aver fatto rispettare la legge. Piena vicinanza da parte mia e della Lega alle forze dell’ordine, capaci di ripristinare la legalità trascurata da Manildo”. Così il capogruppo leghista in Regione Veneto Federico Caner in merito agli scontri all’esterno della Prefettura, dopo lo sgombero all’alba dell’ex caserma Salsa. “Mentre il sindaco colloquia fraternamente e pacatamente con questi centri sociali al bar, alcuni suoi consiglieri comunali si dimostrano fin troppo vicini al collettivo Ztl. Scontata la solidarietà di Said Chaibi, allucinanti le parole di Antonella Tocchetto che addirittura suggerisce a Manildo di rompere il Patto di stabilità per costringere lo Stato a cedere l’ex caserma ai no-global. Il Patto si rompe semmai per dare servizi ai cittadini che che rispettano le leggi, e non per favorire degli abusivi no-global che percorrono l’illegalità”.

Galleria fotograficaGalleria fotografica