Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Un documentario omaggia la figura e l'opera del compositore padovano

IL DOC: CESARE POLLINI. NOTE DIMENTICATE

L'intervista al regista Giacomo Ravenna, di Veneto Art Movie


PADOVA - Il compositore e pianista padovano Cesare Pollini oggi sarebbe sconosciuto a molti se il suo nome non fosse stato attribuito al Conservatorio di Musica di Padova. Per ricordare la sua storia e la sua opera , la Veneto Art Movie di Torreglia (PD), per la regia del documentarista Giacomo Ravenna, ha realizzato il documentario “Cesare Pollini. Note dimenticate”.

Come spiega ai nostri microfoni il regista e ideatore del progetto Giacomo Ravenna, il film nasce a seguito delle celebrazioni per il centenario della morte del compositore (1912) con l’obiettivo di riscoprire la figura del musicista, personalità di spicco di fine ‘800 – inizi ‘900, che a soli ventiquattro anni assunse la direzione dell’Istituto musicale di Padova.

Nel corso della sua vita Cesare Pollini strinse amicizia con molti letterati, musicisti e pittori del suo tempo tra i quali Antonio Fogazzaro, Oscar Chilesotti, Antonio Bazzini, Giuseppe Martucci, Richard Strauss e Roberto Ferruzzi. Un contesto che emerge grazie alle ricostruzioni storico-biografiche ottenute dalle interviste con la Dott.ssa Maria Nevilla Massaro, Direttrice del conservatorio di Padova, il professor Giorgio Ronconi, curatore del libro "Cesare Pollini tra Padova e Luvigliano", l'architetto Marzio Piacentini, attuale proprietario della villa di Luvigliano, dove Pollini abitò, il sindaco di Torreglia Filippo Legnaro e l’assessore alla cultura Marenesi Lorenzo. Preziosi ai fini del progetto sono anche gli interventi di Gionata Ceretta e Leopoldo Mario dell'associazione culturale Roberto Ferruzzi, con i quali si ripercorrerà il legame tra Cesare Pollini e il pittore dalmata Roberto Ferruzzi, assiduo frequentatore di Villa Pollini che, nel 1897, partecipò alla seconda Biennale di Venezia con il quadro intitolato Madonnina. All’interno del documentario i musicisti Maura Mazzonetto al piano e Giacobbe Stevanato al violino eseguiranno alcune opere di Cesare Pollini e degli amici musicisti Antonio Freschi ed Emilio Pente.

Il documentario, realizzato con il contributo del Conservatorio di Padova, del comune di Torreglia e dell’Associazione Roberto Ferruzzi e patrocinato dalla Regione Veneto, dalla Provincia di Padova e dal Comune di Torreglia e di Padova, verrà presentato entro Natale 2013 tra Torreglia, Padova e Venezia.

 
Alessandra Ghizzo