Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per appropriazione indebita l'ex dipendente di un sexy shop

S'INTASCA I SOLDI DEI SEX TOYS E DEI GADGET A LUCI ROSSE: IN AULA

San Vendemiano: la 30enne avrebbe tenuto per sè 28 mila euro


SAN VENDEMIANO – (gp) Sex toys, vibratori, dvd hard e preservativi al gusto frutta, ma anche un paio di slip di superman e addirittura il grembiule del “Pranzo è servito”. Tutti articoli sostanzialmente “comuni” all'interno del sexy shop in cui lavorava, e che secondo l'accusa le sarebbero fruttati oltre 28 mila euro. Già, perchè a processo per appropriazione indebita aggravata dall'aabuso di prestazione d'opera è finita un'ex dipendente di un negozio a luci rosse di San Vendemiano, rea secondo gli inquirenti di aver venduto una serie di gadget nell'arco del 2010 annullando gli scontrini dopo il pagamento dei clienti e intascandosi poi i soldi. Alla sbarra una ragazza marocchina di 30 anni, a trascinarla di fronte al giudice i titolari del sexy shop.