Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assenti i ministri, al Sant'Artemio 85 sindaci della Marca

"ESCLUDERE I FONDI PER IL LAVORO DAL PATTO DI STABILITÀ LOCALE"

La richiesta al Governo del consiglio provinciale straordinario


TREVISO - Il Consiglio provinciale straordinario dedicato al lavoro apre un'alleanza tra tutti gli enti locali e le parti sociali della Marca per avviare nuove politiche a favore dell'occupazione e della ripresa economica nel Trevigiano. Ma chiede anche, con l'approvazione di un apposito ordine del giorno, che il Governo escluda i fondi finalizzati ad interventi sul lavoro dal patto di stabilità delle amministrazioni locali. Davanti ai sindaci ed agli amministratori di 85 Comuni trevigiani, ai rappresentanti delle associazioni imprenditoriali e dei sindacati, ai delegati di alcuni industrie, in primis Electrolux, il presidente della Provincia Leonardo Muraro ricorda come dal 2008, nella Marca abbiano chiuso quasi 4mila aziende e siano stati persi oltre 26mila posti di lavoro e lancia la proposta di mettere in rete servizi e fondi tra l'istituzione del Sant'Artemio e i Comuni, per razionalizzare gli sforzi ed evitare dispersioni di risorse o doppiono. "Non c'è più tempo - detta Giacomo Vendrame, segretario provinciale della Cgil - nelle fabbriche il clima è pessimo. Sono quattro anni che ci ripetiamo le stesse parole, ora devono trasformarsi in fatti. Iniziative come queste sono positive, ma devono essere il punto di partenza per dare risposte concrete, altrimenti diventano solo parate".

All'assemblea erano stati invitati i ministri dell'Economia, Saccomanni, del Lavoro, Giovannini, delle Attività produttive, Zanonato, ma nessuno si è presentato. Sono intervenuti, invece, i parlamentari trevigiani Simonetta Rubinato (Pd), Patrizia Bisinella (Lega) e Maurizio Sacconi (Ncd). Quest'ultimo, presidente della commissione Lavoro del Senato, a proposito del caso Electrolux ha ribadito come "le colpe del management non possono essere pagate dagli stabilimenti produttivi. Stiamo organizzando un incontro con la proprietà che ha un antico rapporto con l'Italia".



Galleria fotograficaGalleria fotografica