Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, "scuola Salsa e merengue" ed una croce uncinata, indaga la Digos

BLITZ NELLA NOTTE ALLA "SALSA" SCRITTE IRONICHE E UNA SVASTICA

Incursione di ignoti nella notte: vernice bianca sul murales dei Ztl


TREVISO - Ignoti writers, nella notte, hanno tracciato alcune scritte ed una svastica con della vernice bianca all'ingresso della caserma "Salsa", li dove il Collettivo Ztl aveva disegnato un murales durante l'occupazione di due settimane fa. Oltre all'ironica scritta "Scuola Salsa e merengue" è comparsa anche una enorme svastica. Sull'episodio indaga la Digos della Questura di Treviso.
Il Collettivo: rifaremo il murales alla luce del sole. "All’attenzione del Sindaco Manildo e di tutta la giunta comunale -così si legge in una lettera aperta degli Ztl a Ca' Sugana- Alla luce dell’imbrattamento del muro dell’Ex Caserma Salsa, da parte di esponenti dell’estrema destra, noi del collettivo Ztl Wake Up abbiamo deciso di rifare il murales in pieno giorno senza il bisogno di nasconderci da niente e nessuno. Ricordandovi inoltre; che la svastica dipinta sul muro dello stabile è un reato sancito dalla nostra costituzione con la legge n.645 del 20 giugno 1952. Chiediamo, quindi, a Lei sindaco e a Voi giunta di condannare pubblicamente l’ennesima scritta a stampo fascista avvenuta in piena notte. Ponendoci davvero, a questo punto, la domanda su quali siano le soglie della legalità, facendovi presente che chi ha fatto quella svastica e quella scritta sono niente meno che i ragazzi che si fanno paladini delle giustizia contro l’illegalità, tra i quali annoveriamo persone denunciate per il caso mefedrone, per terrorismo, minacce e molto altro. A nostro parere ci sembra il caso di rispondere a queste persone facendo loro capire che Treviso è antifascista e che di conseguenza non sono gradite nella nostra città. Il collettivo Ztl Wake Up"
Forza Nuova si smarca: "Scritte non nostre". Preso atto dell'incauta chiamata in causa di Forza Nuova -si legge in un comunicato diramato oggi- e di alcuni suoi esponenti nelle scritte comparse alla Salsa riteniamo opportuno fornire alcuni chiarimenti.Forza Nuova agisce alla luce del sole e assumendosi la responsabilità delle proprie iniziative. Non è nostra abitudine agire nell'oscurità e non riteniamo uno strumento di battaglia politica sporcare un muro. Il problema degli spazi esiste, va affrontato e risolto. La costituzione di un CSO ad uso e consumo delle frange estreme della sinistra non è la soluzione. Non riteniamo un nostro avversario il collettivo ZTL, in quanto un avversario è comunque un interlocutore, ruolo che non gli affidiamo. Per quanto ci riguarda rimangono un divertente strumento autolesionista in mano al centrosinistra ed un cattivo esempio di gioventù (fortunatamente quasi per nulla trevigiana). Il piagnisteo a cui danno vita gli esponenti del collettivo è quantomeno ridicolo visto che ad oggi la serie infinita di reati commessi (tra cui l'aggressione ad un militante di Lotta Studentesca in 15 contro, provocando 40 gg di prognosi) non ha avuto alcun esito giudiziario concreto. E' evidente che godono di protezioni esplicite ed implicite. Scritte con minacce di morte, aggressioni, minacce telefoniche, danni alle automobili e agli esercizi commerciali, azioni intimidatorie sono fatti con cui i nostri militanti sono costretti a convivere quotidianamente. Riteniamo l'attuale amministrazione pienamente colpevole dell'imminente discesa dei centri Sociali nella nostra città. I commercianti verranno ulteriormente danneggiati. Alla luce di tutto questo il nostro ufficio legale ha proceduto a querelare chi ha messo in correlazione il movimento e le scritte in questione, al fine di tutelarne l'immagine e l'onorabilità. Ci auguriamo che si smetta quanto prima di parlare di capricci e si torni a parlare di politica.

Galleria fotograficaGalleria fotografica