Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, la concessione č della Prefettura e permette di avere con sč un'arma

SERNAGIOTTO ARMATO: NESSUNA IRREGOLARITĄ

L'assessore č dotato di porto d'armi per autodifesa personale


TREVISO - "In base al Tulps, il testo unico di pubblica sicurezza, chi è in possesso di un porto d'armi per autodifesa personale ha di fatto la possibilità di portarla con sè, pronta all'uso, come un agente di polizia". Parole chiare e che dipanano ogni dubbio quelle di Ciro Pellone, dirigente della divisione amministrativa della Questura di Treviso, interpellato sul caso dell'assessore Remo Sernagiotto che ha rivelato martedì sera di girare armato da oltre 30 anni. La licenza di detenzione delle armi può essere richiesta attraverso un apposito iter burocratico alla Questura di Treviso: dopo gli accertamenti del caso da parte degli uffici della polizia viene concesso il nullaosta con il quale poter acquistare l'arma da tenere rigorosamente in casa. Discorso diverso per la licenza di porto d'armi. Ne esistono di tre tipologie ben definite: per uso sportivo, per caccia e per autodifesa personale. I primi due tipi di licenza (con precise indicazioni e restrizioni sulla modalità di trasporto dell'arma stessa) vengono concessi dalla Questura. La licenza per autodifesa (ed è proprio il caso dell'assessore Sernagiotto) è invece rilasciata dalla Prefettura dopo un apposito iter e le verifiche del caso.
Floriana Casellato (Pd): invito Zaia ad intervenire. "Trovo scandaloso e gravissimo che un Assessore Regionale, in particolare ai Servizi Sociali, entri nelle sedi istituzionali della Regione quali Palazzo Balbi e Palazzo Ferrofini, armato con un’arma, revolver P38 special, e che nessuno mai se ne sia accorto e abbia denunciato il fatto. Leggo che l’Assessore Sernagiotto ha dichiarato che "in particolare ieri – si legge nell’agenzia- ero in Consiglio regionale e l'ho lasciata in una scrivania. Al momento di l'ho messa alla cintola come faccio di solito”. ”Quindi ha lasciato l’arma incustodita in una scrivania, dove potenzialmente qualcuno poteva prelevarla e usarla in maniera pericolosa? Trovo queste dichiarazioni gravissime e che il comportamento di Sernagiotto, oltre a dare un pessimo esempio, metta a repentaglio la sicurezza di chi lavora con lui o semplicemente lo frequenta. – tuona la parlamentare del PD.” “Invito il Presidente Luca Zaia ad intervenire sulla questione, visto che, a quanto pare, al suo Assessore è dato di girare liberamente con un’arma, all’interno di spazi istituzionali, cosa alquanto inaudita, assurda e pericolosa. Mi chiedo - continua l'On. Casellato - se Sernagiotto porti con se l'arma anche quando visita le case di riposo con anziani non autosufficienti o le scuole materne con i bambini piccoli." “Credo che messaggi alla cosiddetta “giustizia fai da te” che arrivano addirittura da un Assessore che dovrebbe invece stimolare la coesione sociale, la legalità e il rispetto delle leggi, siano davvero inaccettabili, tanto da metterne in discussione l’idoneità a ricoprire un ruolo di tale responsabilità".