Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il centro del Benetton ha lasciato l'ospedale di Cremona, iniziata la convalescenza

LUCA MORISI È TORNATO A CASA: "STO BENE, GRAZIE A TUTTI"

Dovrà fare dei controlli periodici ma "la mia vita è rimasta normale"


TREVISO - Luca Morisi è tornato a casa. Il centro del Benetton a cui è stata asportata la milza dopo un duro scontro di gioco nella partita della nazionale contro le Fiji da martedì è nella sua abitazione di Milano. E dice: "Ci vorrà circa un mese prima che la situazione si stabilizzi, cioè che l’organismo si abitui all’assenza della milza, poi pian piano dovrei riprendere abbastanza normalmente. Nel frattempo ogni tanto devo recarmi al Niguarda per monitorare scrupolosamente la situazione del fegato. La mia vita non avrà molte variazioni comunque, devo solamente stare un po’ più attento all’alimentazione, prendere qualche pastiglia alla sera per un certo periodo, ma non mi pesa più di tanto, insomma non devo certo fare dei grossi sacrifici."
-Cosa ricordi di quel terribile scontro di gioco?
"Quell'avversario l'avevo visto bene che stava arrivando e subito ho immaginato che mi sarebbe arrivato un colpo molto violento: ho sentito che mi ha preso su un fianco e sulle parti molli. Non ho perso conoscenza, anzi ho avvertito immediatamente male alla pancia, però pensavo che fosse una botta delle solite, che io fra l’altro becco spesso perché ho l’abitudine a scoprirmi. Quando però mi hanno detto che c’era bisogno di asportarmi la milza mi ha preso un certo sconforto. Ad ogni modo adesso è fatta, non posso far altro che prenderla con filosofia. In realtà non sono preoccupato, so che grosse conseguenze tutto sommato non ce ne dovrebbero essere: tanto riposo e un occhio all'alimentazione. Voglio ringraziare tutti per i messaggi di amicizia e solidarietà che mi sono arrivati."