Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO Intanto il giovanissimo oggi non si è presentato a scuola

BIMBO IPERATTIVO: "SCUOLA, FAMIGLIA E ULSS INTERVENGANO"

Tuona l'assessore Anna Cabino sul caso della scuola Giovanni XXIII


TREVISO - “Bisogna che scuola, famiglia e Ulss che ha la competenza per affrontare un problema di questo tipo, intervengano in maniera unitaria. E’ necessario poi che la scuola, grazie al contributo dell’azienda socio sanitaria locale condivida con la famiglia un percorso finalizzato al benessere e all’equilibrio del bambino”. Queste le parole dell’assessore alle politiche scolastiche del Comune di Treviso Anna Caterina Cabino in merito all’episodio accaduto in una scuola primaria. Già nella serata di ieri l’assessore alle Politiche sociali Liana Manfio aveva scritto al Direttore dei servizi sociali Ubaldo Scardellato e al Direttore del distretto Enrico Di Giorgi per chiedere una pronta presa in carico della situazione. “Ci siamo solo potuti rivolgere all’Ulss poiché il Comune non dispone delle competenze e adeguate a gestire una situazione delicata e complessa sulla quale crediamo sia necessario mantenere il massimo riserbo – continua Cabino – questo per salvaguardare soprattutto la famiglia e il bambino”. Intanto proprio questa mattina l’assessore ha risposto all’esposto inviato nella giornata di ieri da parte della Dirigente del secondo comprensivo: “Ho riposto alla dirigente ribadendo la nostra piena disponibilità ad intervenire e supportare le iniziative che l’azienda sanitaria, di concerto con la famiglia, vorrà mettere in campo per aiutare il bambino e la famiglia ad affrontare un percorso volto a favorire la sua integrazione all’interno della classe e dell’istituto, salvaguardando allo stesso tempo il diritto di tutti i ragazzi a vivere la scuola come un luogo di serenità”. Oggi intanto, visto anche il grande clamore, non è stato portato a scuola dai genitori.