Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato di appropriazione indebita aggravata un autotrasportatore 54enne

SI RIFIUTA DI DARE SOLDI IN NERO AL DATORE DI LAVORO: A PROCESSO

Gli oltre 5 mila euro sono comunque stati versati con due vaglia postali


CORDIGNANO – (gp) Consegna la merce ai clienti, viene pagato in contanti e si rifiuta di versare la somma al suo datore di lavoro che lo trascina in tribunale per appropriazione indebita aggravata. Questa almeno l'accusa mossa contro un autotrasportatore romeno di 54 anni il quale, difeso dall'avvocato Mario Nordio, ha deciso di opporsi a un decreto penale di condanna da 23.100 euro per professare la propria innocenza e raccontare come si sarebbero svolti in realtà i fatti. Versione che a prima vista potrebbe sembrare una giustificazione, ma che sarebbe confermata dal verbale dei carabinieri, secondo la difesa, che darebbe ragione all'imputato. Visti i pessimi rapporti col datore di lavoro, il camionista, nel rifiutarsi di consegnare in nero oltre 5 mila euro, avrebbe chiamato la guardia di finanza per avere un testimone del passaggio di denaro in quanto impaurito di poter essere accusato di averli rubati. Allo stesso tempo il datore di lavoro avrebbe chiamato i carabinieri dicendo che il dipendente si rifiutava di pagare. Era un venerdì pomeriggio, il 30 aprile 2010. Il lunedì successivo l'autotrasportatore, tramite due vaglia postali, versò l'intera somma al datore di lavoro quindi, per la difesa, non si configurerebbe nemmeno il reato. Si torna in aula a giugno.