Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Silea ci sono 16,5 milioni di euro e non 14: molti sono in monete a 1 e 2 euro

CASO NES: NEL CAVEAU PIÙ SOLDI DEL PREVISTO, MA SONO SPICCIOLI

Beni all'asta: la scelta di venderli tramite Sotheby's piace agli inquirenti


TREVISO – (gp) Nel caveau di Silea della North East Services ci sono più soldi del previsto, ma per la stragrande maggioranza si tratta di spiccioli, intesi come monete da uno e due euro. La novità emerge dalla relazione depositata dal commissario straordinario Sante Casonato sul tavolo del giudice fallimentare Antonello Fabbro. Terminata la conta da parte degli uomini della Guardia di Finanza di Treviso, si è scoperto che i 14 milioni che si pensava fossero custoditi in via Belvedere sono in realtà 16 milioni e mezzo. Cambia poco, a conti fatti, se si considera che il buco risulta di 104 milioni tra i 40 contestati come appropriazione indebita aggravata a carico di Luigi Compiano, i 29 di Iva non versata al fisco a cui se ne aggiungono 13 di sanzioni e i 22 con i fornitori. Uno spiraglio di luce arriva però dalla proposta avanzata dalla Procura che ha già incassato il via libera del diretto interessato: la vendita dei beni all'asta passando per una via extragiudiziale. Si tratta dell'idea di battere i 400 veicoli posti sotto sequestro, barche comprese, da Sotheby's, la famosa casa d'asta, che premetterebbe di incassare subito almeno i 40 milioni di ammanco. Il futuro dell'azienda rimane comunque nelle mani del commissario Casonato.