Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte di Cassazione mette la parola fine alla vicenda: per Zuluaga 7 anni e 4 mesi

STUPRO DI VIA DANDOLO: RICORSO RIGETTATO, LA PENA È DEFINITIVA

Il colombiano dovrà anche a pagare mille euro di spese processuali


TREVISO – (gp) La condanna a sette anni e quattro mesi per lo stupro di via Dandolo è diventata definitiva. La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da Julio Cesar Zuluaga Aguirre, condannandolo a pagare mille euro di spese processuali da versare nella cassa delle ammende e contemporaneamente facendo passare in giudicato la sentenza a carico del 28enne colombiano. Il legale della vittima, la studentessa ora 23enne che venne stuprata il 24 ottobre 2011 a due passi dal sottopasso della stazione ferroviaria di Treviso, riferisce che per la giovane è finito un incubo, che ora vuole ricominciare a vivere sottolineando che non le è mai giunta una lettera di scuse o di pentimento dal suo aguzzino per quello che ha commesso. La condanna inflitta a Zuluaga sfiora la pena massima prevista per questo tipo di reato: considerando lo sconto di un terzo della pena in virtù del rito abbreviato, il colombiano poteva essere condannato al massimo a otto anni di reclusione. Dopo il fatto il colombiano si era dato alla fuga sperando di arruolarsi nella Legione Straniera e sparire per sempre sotto le nuove vesti di Zico Duarte. Prima a Venezia, poi a Verona e infine a Marsiglia passando per Nizza: queste le tappe del colombiano che gli avevano permesso di raggiungere Parigi, dove gli sono state strette le manette ai polsi il 3 novembre 2011, dopo due settimane di latitanza.