Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusata di circonvenzione d'incapace la nipote dell'80enne che l'avrebbe firmata

REGOLARE LA FIRMA SULLA POLIZZA VITA DA 450 MILA EURO: ASSOLTE

Assieme alla donna sotto accusa anche una funzionaria di una banca


TREVISO – (gp) Si è concluso con una sentenza di piena assoluzione il processo per una polizza vita da 450 mila euro fatta sottoscrivere a un'ultraottentenne, secondo la procura, abusando dello stato d'infermità e debolezza psichica in seguito a un ictus. Alla sbarra, per rispondere dell'accusa di circonvenzione d'incapace in concorso, c'erano la nipote dell'anziana, una 60enne di Treviso, e una 45enne all'epoca dei fatti funzionaria della UBS Italia Spa, istituto di credito tra l'altro del tutto estraneo al procedimento penale. I fatti risalgono al gennaio 2009: stando alle contestazioni del pm Francesa Torri, titolare delle indagini, le due donne (difese dagli avvocati Mauro Bonato, Umberto Saracco, Pasquale Pantano e Francesco Murgia) avrebbero proposto e fatto sottoscrivere all'anziana, poi deceduta nell'ottobre 2011, una “polizza a linea reddito fisso” per l’importo di 450 mila euro, di cui sarebbe risultata beneficiaria in caso di morte proprio la nipote. Dopo la testimonianza resa in aula nel corso della precedente udienza del dottor Carlo Schenardi, che in qualità di consulente tecnico delle difese aveva esposto i risultati della perizia di parte secondo cui l'anziana “non era circonvenibile per ragioni di ordine neurologico e psichiatrico forense”, il giudice ha accolto le tesi difensive assolvendo entrambe le imputate.