Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Protagonista una immigrata africana di Tarzo già madre di tre figli

DOGLIE IMPROVVISE, PARTORISCE IN CASA ASSISTITA PER TELEFONO

Con i consigli del Suem tutto è andato per il meglio, il bebè sta bene


TREVISO - Sorpresa dalle improvvise doglie in casa e non potendo attendere l'arrivo dell'ambulanza, una immigrata africana ha partorito con l'ausilio dei consigli, impartiti per telefono, di un operatore del Suem. Il fatto è avvenuto verso le 19 in una abitazione di Tarzo. La signora, madre già di tre figli, appena ha avvertito i sintomi del parto imminente, ha chiamato il 118, che però a causa del poco tempo a disposizione non ha potuto far arrivare i soccorsi in tempo, nella fattispecie un'auto medica e l'ambulanza dell'Uls 7. Allora un operatore, con innegabile sangue freddo, ha iniziato dalla sede ospedaliera a dare qualche consiglio telefonico alla donna, in quel momento da sola, su come comportarsi per far nascere il bebè. I suoi suggerimenti, in quegli attimi comprensibilmente concitati, sono stati comunque utili, tanto che alla fine tutto si è svolto regolarmente. La situazione poi è stata definitivamente normalizzata dall'arrivo degli infermieri.