Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Protagonista una immigrata africana di Tarzo già madre di tre figli

DOGLIE IMPROVVISE, PARTORISCE IN CASA ASSISTITA PER TELEFONO

Con i consigli del Suem tutto è andato per il meglio, il bebè sta bene


TREVISO - Sorpresa dalle improvvise doglie in casa e non potendo attendere l'arrivo dell'ambulanza, una immigrata africana ha partorito con l'ausilio dei consigli, impartiti per telefono, di un operatore del Suem. Il fatto è avvenuto verso le 19 in una abitazione di Tarzo. La signora, madre già di tre figli, appena ha avvertito i sintomi del parto imminente, ha chiamato il 118, che però a causa del poco tempo a disposizione non ha potuto far arrivare i soccorsi in tempo, nella fattispecie un'auto medica e l'ambulanza dell'Uls 7. Allora un operatore, con innegabile sangue freddo, ha iniziato dalla sede ospedaliera a dare qualche consiglio telefonico alla donna, in quel momento da sola, su come comportarsi per far nascere il bebè. I suoi suggerimenti, in quegli attimi comprensibilmente concitati, sono stati comunque utili, tanto che alla fine tutto si è svolto regolarmente. La situazione poi è stata definitivamente normalizzata dall'arrivo degli infermieri.