Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Protagonista una immigrata africana di Tarzo già madre di tre figli

DOGLIE IMPROVVISE, PARTORISCE IN CASA ASSISTITA PER TELEFONO

Con i consigli del Suem tutto è andato per il meglio, il bebè sta bene


TREVISO - Sorpresa dalle improvvise doglie in casa e non potendo attendere l'arrivo dell'ambulanza, una immigrata africana ha partorito con l'ausilio dei consigli, impartiti per telefono, di un operatore del Suem. Il fatto è avvenuto verso le 19 in una abitazione di Tarzo. La signora, madre già di tre figli, appena ha avvertito i sintomi del parto imminente, ha chiamato il 118, che però a causa del poco tempo a disposizione non ha potuto far arrivare i soccorsi in tempo, nella fattispecie un'auto medica e l'ambulanza dell'Uls 7. Allora un operatore, con innegabile sangue freddo, ha iniziato dalla sede ospedaliera a dare qualche consiglio telefonico alla donna, in quel momento da sola, su come comportarsi per far nascere il bebè. I suoi suggerimenti, in quegli attimi comprensibilmente concitati, sono stati comunque utili, tanto che alla fine tutto si è svolto regolarmente. La situazione poi è stata definitivamente normalizzata dall'arrivo degli infermieri.