Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Servono misure contro la contraffazione e controlli sui finanziamenti"

"IL GOVERNO TUTELI IL MADE IN ITALY AGROALIMENTARE"

Interrogazioni delle parlmentari Rubinato e Casellato ai ministri


TREVISO - “Tutelare i prodotti agroalimentari made in Italy significa sostenere un comparto che rappresenta, con i suoi 53 miliardi di euro, oltre il 17% del Pil ed impegna quasi un milione di imprese. Ma significa anche offrire maggiori garanzie di salute ai consumatori italiani. Per questo, dopo aver aderito alle manifestazioni promosse in questi giorni dalla Coldiretti, abbiamo presentato in Parlamento alcune interrogazioni per sollecitare il Governo, e in particolare i ministri dell’Agricoltura e della Salute, ad adottare tutte le iniziative utili a contrastare il fenomeno della contraffazione”. Lo affermano Simonetta Rubinato e Floriana Casellato, parlamentari trevigiane del Pd che nei giorni scorsi hanno incontrato i vertici della Coldiretti provinciale per discutere della difficile situazione che interessa anche gli allevatori e i produttori della Marca.

“Per difendere l’agroalimentare italiano, unanimemente riconosciuto anche all’estero per la sua eccellenza – spiegano le deputate democratiche – è indispensabile e urgente mettere in atto tutte le misure di contrasto di pratiche commerciali che creano una sleale concorrenza, con prezzi inferiori ai costi di produzione medi, e immettono sul mercato italiano prodotti di dubbia qualità anche dal punto di vista sanitario. Visto che le norme già esistono, vanno intensificati i controlli sui prodotti che provengono dall’estero soprattutto nel comparto della carne suina”. 

Rubinato e Casellato chiedono inoltre al ministro dell’Agricoltura di fare chiarezza per sapere se Isa, l’istituto sviluppo agroalimentare, abbia concesso investimenti ad imprese coinvolte nel mondo della produzione del finto made in Italy, ‘pregiudicando così – spiegano – gli interessi dei cittadini e dei consumatori italiani che dovrebbe invece tutelare in quanto società finanziaria con un unico socio, il Ministero stesso”.