Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente del Benetton commenta il divorzio anticipato con il coach

ZATTA: "NON È SOLO COLPA DI SMITH, LA SQUADRA FACCIA DI PIÙ"

"Il decimo posto è penalizzante, con Goosen ora vogliamo la svolta"


TREVISO Dopo l'annuncio della separazione fra il Benetton e Franco Smith, da registrare l'intervento del presidente dei Leoni Amerino Zatta. "Franco in questi anni ha fatto non bene, benissimo, per cui va solo ringraziato per ciò che ci ha dato, anche da giocatore: ciò che ha vinto a Treviso lo conosciamo bene. Ci ha traghettato in questa non facile realtà celtica costruendo un Benetton di certo adeguato mentalmente, tecnicamente e fisicamente. E questa separazione, presa oggi di comune accordo, anticipa quella che lui stesso aveva annunciato all’inizio della stagione."
Quindi ha influito la deludente classifica che ha la squadra.
"Questo decimo posto non ci premia, siamo certi che si può fare qualcosa in più. Con questo non voglio dire che Franco sia l’unico colpevole, l’allenatore arriva fino ad un certo punto, poi ci deve pensare la squadra; ma oggi bisogna essere sereni da una parte e realistici dall’altra, dobbiamo cioè analizzare la situazione in profondità."
Forse però è la rosa dei giocatori che è un po' logora.

"Il parco giocatori è di livello, una ventina di loro è nel giro della nazionale: io credo sia evidente che possono e devono offrire un maggiore contributo. Tra poco arriverà Marius Goosen, è una scelta nel segno della continuità. E c'è bisogno di una svolta"