Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Controllo della Guardia di Finanza di Treviso in una società del vittoriese

POMPA DI BENZINA ABUSIVA IN DITTA: DENUNCIATI I DUE GESTORI

Sequestrato l'intero impianto e la cisterna con 2 mila litri di gasolio


VITTORIO VENETO - Un distributore di carburante autonomo, a domicilio e pienamente efficiente, oltre che abusivo, quello individuato dalla Guardia di Finanza di Treviso durante una verifica fiscale presso una società del vittoriese. In particolare i militari hanno notato la presenza dell’impianto nel piazzale della sede sociale dove il titolare, al fine di avere gasolio da autotrazione prontamente disponibile per i mezzi aziendali, aveva installato una vera e propria “pompa di gasolio”. Di fatto, però, non aveva adempiuto a tutti gli obblighi di legge previsti per la detenzione e lo stoccaggio del carburante. L’impianto era infatti totalmente privo delle autorizzazioni necessarie, tra cui il certificato di prevenzione antincendi, e delle relative norme di sicurezza, essendo installato nelle vicinanze di un centro abitato e lungo un’arteria provinciale soggetta a un traffico di veicoli e mezzi pesanti molto intenso. I finanzieri, constatata la presenza di circa 2000 litri di gasolio contenuti nella cisterna e la relativa pericolosità per persone e cose, hanno posto sotto sequestro l’impianto e denunciato a piede libero i due gestori.