Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'attacco in un agriturismo a Cavaso: poi lo rivede in caserma e si infuria

PER VENDICARSI, AGGREDISCE CONNAZIONALE A COLPI DI MACHETE

Un 33enne marocchino arrestato per tentato omicidio


CAVASO DEL TOMBA - Per vendicare uno sgarbo subito, ha aggredito un connazionale a colpi di machete. Issam Ouhadi, 33enne marocchino, è stato arrestato per tentato omicidio. Questa mattina, verso le 11.45, ha quasi sfondato la porta dell'agriturismo Villa Fontana, a Cavaso del Tomba, ed ha minacciato la proprietaria con l'arma, costringendola a chiudesi in uno sgabuzziono. Dopodichè è salito al piano superiore, dove ha individuato il suo obiettivo: M. B., 21 anni, pure lui originario del Marocco. L'aggressore gli ha sferrato un fendente, ma l'altro è riuscito a pararlo con il braccio destro, procurandosi una profonda ferita e la frattura dell'ulna (ne avrà per 40 giorni), e poi, saltando da una finestra, si è dato alla fuga. Nel frattempo all'agriturismo, sono arrivati i Carabinieri di Pederobba, allertati da alcuni testimoni: davanti ai militari, il magrebino non ha opposto resistenza e si è lasciato portare in caserma. Qui però era arrivato anche il 21enne: come l'ha scorto, Ouhadi ha dato in escandescenze, distruggendo quello che gli capitava a tiro e ferendosi, tanto che è stato necessario sedarlo.

Tra i due stranieri c'era vecchia ruggine: lo scorso 14 ottobre erano stati protagonisti di una lite in centro a Montebelluna. Ad avere la peggio, allora, era stato proprio Ouhadi, messo ko da una bottigliata in testa. E così ha pensato di vendicarsi. Ora, trasferito in carcere a Santa Bona, è stato anche denunciato per violenza privata, minaccia aggravata, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.