Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Manildo: "Applicare le imposte in base ai principi di equità e giustizia"

MINI-IMU: LUCI SPENTE ANCHE A TREVISO IN SEGNO DI PROTESTA

E' la risposta all'appello lanciato dal sindaco di Padova Ivo Rossi


TREVISO – Sulla questione “mini-Imu” anche il Comune di Treviso spegne le luci in segno di protesta. Ad annunciarlo è stato il sindaco Giovanni Manildo che ha risposto così all’appello lanciato nei giorni scorsi dal primo cittadino padovano Ivo Rossi. “Questa protesta non vuole essere una lotta tra Comuni o una critica all’ANCI che pure sta facendo un buon lavoro, ma un modo per ribadire la necessità di applicare le imposte in base ai principi di equità e giustizia – dichiara Manildo - Ancora una volta a pagare sono i comuni virtuosi, così chiamati perché amministrati in modo responsabile anche sotto il profilo della gestione delle risorse economiche. Ma dal patto di stabilità in poi sembra che applicare delle politiche responsabili non serva più. Tutto il contrario: l’aggettivo "virtuosi" sembra essere diventato sinonimo di “poco furbi”. Rischiamo quindi di dare un messaggio sbagliato anche a tutti quei cittadini ai quali vorremmo garantire un più elevato livello dei servizi e che invece non  riusciamo a garantire perché vincolati da un patto di stabilità diventato ormai incomprensibile”. In segno di protesta le luci di Piazza dei Signori, dall’albero di Natale alla Prefettura, verranno spente dalle 20.00 alle 21.00 di mercoledì 11 dicembre: “Alla base della nostra adesione sta dunque non solo la protesta contro la Mini – Imu – sottolinea Manildo - sulla quale spero si faccia un discorso serio in merito alla ridistribuzione dei trasferimenti, ma anche un modo per ribadire al governo che è finita la stagione in cui i Comuni svolgevano un’azione di supplenza. L’ultimo caso in ordine di tempo – chiude il sindaco -  è quello della maggiorazione Tares: neppure un euro alle casse comunali, con l’aggravio delle spese di spedizione interamente a nostro carico”.