Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un solighese, senza biglietto, è stato scaricato in stazione a Pordenone

FATTO SCENDERE DAL TRENO NELLA CITTÀ "VIETATA": 47ENNE IN AULA

Per tre anni aveva il divieto del questore di recarsi nel capoluogo


PIEVE DI SOLIGO – (gp) E' salito sul treno diretto a Trieste senza il biglietto. Se lo avessero scoperto, pensava di rimediare al massimo una multa. Ma quella leggerezza è costata ben di più cara a un 47enne di Pieve di Soligo: l'uomo, fatto scendere alla stazione di Pordenone dal controllore di Trenitalia nell'ottobre dello scorso anno, dovrà affrontare un processo per non aver rispettato il provvedimento delle autorità. Già, perchè il 47enne, nel febbraio 2010, aveva ricevuto il divieto di mettere piede nel capoluogo firmato dal questore: per tre anni l'ingresso nella città della Destra Tagliamento gli è infatti vietata. Una volta fatto scendere dal treno è stato preso in consegna dalla Polizia Ferroviaria che, analizzando il database, si è accorta del divieto e per legge ha fatto scattare la denuncia che ha portato l'uomo a processo.