Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Denunciata per sfruttamento della prostituzione una 60enne di Martellago

APPARTAMENTI IN AFFITTO ALLE LUCCIOLE, NEI GUAI LA MAITRESSE

Gestiva e pubblicizzava un giro di prostituzione a Conegliano e Mestre


CONEGLIANO – (gp) Affittava una lunga serie di mini appartamenti a Conegliano e Mestre a prostitute e transessuali. Ora l'attività di una maitresse 60enne di Martellago è stata bloccata dagli uomini del Commissariato di Conegliano. La donna è stata infatti denunciata per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Stando alle accuse la maitresse si sarebbe occupata di organizzare un vasto giro di squillo alle quali avrebbe non solo fornito i luoghi dove poter lavorare in tutta tranquillità e riservatezza, ma avrebbe anche gestito gli annunci per promuovere le prestazioni sessuali a pagamento sui giornali e nei siti internet specializzati in incontri a luci rosse. I pedinamenti della Polizia avrebbero portato a raccogliere delle prove schiaccianti nei confronti della donna. Di certo c'è che la maitresse non prendeva né pretendeva percentuali sulle prestazioni sessuali delle lucciole e dei trans, ma si sarebbe garantita un introito sicuro ogni mese, attorno agli 8 mila euro di subaffitto a fronte dei 500 sborsati di tasca sua per il vero affitto, gestendo semplicemente gli immobili.