Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel mirino una ditta di Quinto di Treviso: decine le segnalazioni dei consumatori

CLIENTI RAGGIRATI CON IL PORTA A PORTA: L'ALLARME DELL'ADICO

Un modulo per i dati personali si trasforma in un contratto d'acquisto


QUINTO DI TREVISO - (gp) Pensando di firmare un modulo per il trattamento dei dati personali, il tutto per ottenere l'invio di un catalogo con relativi buoni sconto, in realtà sottoscrivevano un contratto che prevede l'acquisto obbligatorio, entro tre anni, di articoli per la casa per un valore minimo di 2.750 euro. A finire nel mirino dell'Adico, a cui sono pervenute decine di segnalazioni di clienti “raggirati”, un'azienda di Quinto di Treviso che opera porta a porta. Il meccanismo, denunciato dall'associazione a difesa dei consumatori, è semplice. Il rappresentante della ditta trevigiana suona il campanello e propone al malcapitato di turno dei buoni acquisto da utilizzare entro 3 anni, con sconti che vanno dal 20% al 50%. A prima vista un affare, ma in realtà si tratterebbe di un vero e proprio raggiro. Il rappresentante finisce per far firmare agli aspiranti clienti un modulo come liberatoria per il trattamento dei dati personali ai fini della ricezione del catalogo pubblicitario. Si tratta però di un contratto vincolante che si può recedere entro dieci giorni. I clienti, convinti a non aver nessun obbligo, lasciano passare i dieci giorni credendo di poter acquistare con calma. L'allarme è stato lanciato dal presidente dell'Adico, Carlo Garofolini, invita tutti coloro che si trovano in situazioni analoghe di contattare i loro esperti per impugnare i contratti.