Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il commissario ha illustrato il piano di salvataggio ai sindacati

IN VENDITA IL RAMO VIGILANZA PRIVATA DELLA NORTH EAST SERVICES

Contatti con dieci acquirenti, da formalizzare entro il 10 gennaio


TREVISO - Vendere il ramo vigilanza della Nes. E' questo il primo punto del piano di salvataggio della società del gruppo Compiano, illustrato ieri dal commissario giudiziale Sante Casonato. L'azienda da mesi è al centro di uno scandalo per ammanchi milionari nei suoi caveau e si trova in amministrazione straordinaria. Ci sarebbe già stati contatti con una decina di potenziali acquirenti, grandi gruppi del settore, anche esteri, intenzionati a sbarcare o a rafforzarsi sul mercato veneto. Le manifestazioni di interesse dovranno essere formalizzate, con delle proposte non vincolanti entro il prossimo 10 gennaio. Il commissario ha incontrato a Bologna i rappresentanti dei lavoratori: gli esponenti di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil chiedono soprattutto garanzie per il ricollocamento dei dipendenti. Attualmente nel comparto vigilanza sono impiegati 214 addetti: si stanno ipotizzando anche possibili agevolazioni sul prezzo d'acquisto tanto maggiori quanto più numerose siano le riassunzioni. A questo scopo, sindacati e commissario si reincontreranno il 3 gennaio per definire le condizioni contrattuali alle quali i lavoratori potrebbero essere reintegrati in una nuova società.

In seconda battuta si procederà alla cessione degli altri "dipartimenti" della Nes, come il trasporto o la custodia valori, mentre è già stata effettuata una prima asta di furgoni blindati e altri mezzi. L'obiettivo è recuperare liquidità per consentire all'impresa di reggersi e per iniziare a ripianare il debito accumulato in questi anni. A questo proposito, nei caveau della società ci sono ancora quasi 20 milioni di euro senza una precisa appartenenza: se non saranno reclamati dal legittimo proprietario entro un certo termine, diventeranno patrimonio della società stessa.