Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

In manette il 28enne bergamasco Fabio Monferrato, ricercati due albanesi

SEGREGATA TRE GIORNI, LUCCIOLA 20ENNE DENUNCIA I SUOI AGUZZINI

Il 50% dei guadagni allo sfruttatore: si è ribellata e d è stata rapita


TREVISO – (gp) Segregata per tre giorni è riuscita a scappare e a denunciare i suoi aguzzini: uno è finito in manette, altri due sono latitanti e su di loro pende un mandato di cattura, che a breve diventerà internazionale. La vittima è una ragazza albanese di 20 anni, giunta in Italia nel gennaio scorso per fare la prostituta. Il suo aggancio a Treviso era una sua cara amica il cui ragazzo, anche lui albanese, ha finito per diventare il protettore della 20enne. Dopo 4 mesi di lavoro sulla strada, in zona Castrette, la giovane decise di sparire andando a Bergamo, dove continuò a fare la lucciola. Secondo lei era troppo dare il 50% dei guadagni delle prestazioni sessuali allo sfruttatore. Tornata a giugno nella Marca, aveva ricominciato a vendersi sempre nello stesso punto, a Castrette. Per questo il suo sfruttatore iniziò a minacciarla arrivando a organizzare il sequestro. Per portarlo a termine si è fatto aiutare da un italiano, il 28enne bergamasco Fabio Monferrato, che si è finto cliente per poi risultare complice del 34enne albanese, il mandante del sequestro nonché lo sfruttatore. Era la notte tra il 4 e il 5 agosto scorso quando la giovane sparì nel nulla, mettendo in allarme due sue amiche che ne denunciarono la scomparsa il 6 agosto. Fu la stessa giovane, il 7 agosto, a presentarsi in questura per denunciare quanto aveva subìto: prelevata sulla strada da Monferrato e da un uomo mascherato (secondo la polizia quello che sarebbe poi diventato il carceriere), venne portata in un appartamento di Fontane e lì rinchiusa per tre giorni, sotto la minaccia di morte per lei e la sua famiglia se non fosse tornata a lavorare per Berberaj. Dopo mesi di indagini la Polizia ha ottenuto l'ordine di carcerazione per i tre aguzzini, accusati di sequestro di persona, lesioni, minacce, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in concorso: Monferrato si trova rinchiuso a Bergamo, mentre i due stranieri risultato latitanti. Un'operazione illustrata così dal dirigente della Squadra Mobile di Treviso Enrico Biasutti.