Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si nascondeva in Moldavia: deve scontare sei anni di galera

PERICOLOSO LATITANTE, INDIVIDUATO ED ARRESTATO DOPO SETTE ANNI

Muhamed Mersini autore di diversi reati anche nella Marca


TREVISO - Dopo sette anni di latitanza, l'hanno arrestato in Moldavia. Quando saranno completate le procedure per l'estradizione in Italia, dovrà scontare poco più di sei anni di carcere. Muhamed Mersini, trentenne, nato a Roma, ma di origini macedoni, del resto può vantare un cospicuo curriculum criminale. Appena diciottenne, nel 2001, fu coinvolto in un incidente stradale in cui persero la vita tre albanesi, l'anno dopo venne arrestato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione minorile e riduzione in schiavitù, nel 2004 subì un nuovo arresto per rapina e tentata estorsione. Uscito in seguito ad indulto il 5 agosto del 2006, ritornò in manette appena due mesi dopo per furto, ricettazione e detenzione illegale di armi. Poco dopo però era evaso dagli arresti domiciliari facendo perdere le proprie tracce all'estero: fino a qualche settimana fa, quando gli investigatori dei Carabinieri di Treviso, l'hanno individuato in Moldavia, inviando la polizia locale ad arrestarlo su mandato dell'Interpol. In Italia lo attende la prigione che già ben conosce.