Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La deputata del Pd contro il ministro Kyenge: "Urgente un intervento politico"

ADOZIONI IN CONGO, CASELLATO: "NON ╚ COLPA DELLE FAMIGLIE"

L'onorevole ha contattato la coppia di Treviso bloccata in Africa


TREVISO - Non si può pensare che il Governo italiano, a fronte di ventisei famiglie che vogliono adottare dei bambini congolesi, con tutti i documenti italiani pronti dal nostro versante, possa dire che la colpa è delle famiglie, perché non è accettabile. – tuona l’Onorevole Floriana Casellato riprendendo anche la posizione dei colleghi parlamentari che hanno firmato l’interpellanza urgente. “Sono riuscita a scrivere un sms a Francesca e Marco Morandin, il collegamento telefonico era molto difficoltoso, e mi hanno confermato di essere partiti su autorizzazione della CAI, dopo aver espletato tutte le pratiche burocratiche  – continua la parlamentare del PD – Ora è naturale che senza il loro bambino non tornino a casa, non è una questione di famiglie sequestrate o meno, come indica il Ministro Kyenge, ma di buon senso e di umanità. Che  l'ambasciata italiana si stia muovendo è assolutamente necessario e importante, ma ora si rende indispensabile e urgente un intervento politico di altissimo livello – rincaca l'onorevole – Faremo pressioni perché il Governo italiano, prima di Natale, riesca ad attuare questo contatto politico con il Presidente Joseph Kabila, in quanto questa ci sembra l'unica via per sbloccare la situazione. Ancora però non ci è chiaro chi, all’interno dell’Esecutivo, si prenda la responsabilità di avviare questa azione”