Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra per omicidio colposo Giovanni Zambon, 33enne di Volpago del Montello

TRAVOLTA E UCCISA SULLE STRISCE: L'INVESTITORE PATTEGGIA UN ANNO

Accordo possibile dopo il risarimento alla famiglia di Lucia Zucchello


MONTEBELLUNA – (gp) Ha patteggiato un anno di reclusione, ottenendo la sospensione condizionale della pena. Questo l'esito dell'udienza preliminare che vedeva imputato di omicidio colposo Giovanni Zambon, il 33enne di Volpago del Montello che il 20 marzo scorso aveva investito e ucciso Lucia Zucchello, la 46enne di Montebelluna titolare assieme al marito Pasquale Civale della pizzeria Dandy, mentre attraversava via Piave, a due passi dalla sua attività. Dopo che la compagnia assicurativa ha risarcito la famiglia della vittima, il dipendente del negozio “Bep's”, situato poco distante dal luogo dell'impatto, ha raggiunto un accordo con il pm Giovanni Valmassoi, titolare delle indagini. Il gup Gioacchino Termini, in base agli accertamenti effettuati sia dalla Procura che dalla difesa del ragazzo, ha concesso un'attenuante all'imputato: il furgone parcheggiato a bordo strada (che il giovane ha superato) oscurava la visuale. Innegabili però le colpe: il 33enne, seppur di poco, viaggiava sopra il limite di 50 km/h previsto in quel tratto di strada e la vittima stava attraversando sulle strisce pedonali. L'impatto fu comunque terribile: la donna stava attraversando la strada assieme al marito quando la Volkswagen Golf nera del 33enne la centrò in pieno scaraventandola a quasi venti metri di distanza.