Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il coach si è opposto a un decreto penale di condanna da 22.500 euro

RAGAZZE SPIATE IN SPOGLIATOIO: AL VIA IL PROCESSO ALL'ALLENATORE

Sentite in aula le giocatrici della Samarcanda Volley Resanese


RESANA – (gp) Dopo la condanna della giustizia sportiva che lo aveva squalificato per 5 anni da ogni attività legata al mondo della pallavolo, era arrivato anche il verdetto della magistratura ordinaria: un decreto penale di condanna da 22.500 euro, in sostituzione di tre mesi di reclusione. Fabio Fontana, l'allenatore 45enne della Samarcanda Volley Resanese accusato di interferenza illecita nella vita privata, ha presentato opposizione al decreto scegliendo di professare la propria innocenza a processo. E il procedimento penale è iniziato con la sfilata delle giocatrici della Samarcanda Volley Resanese, tutte ragazze di età compresa tra i 16 e i 30 anni, che avevano scoperto quell'occhio elettronico che le aveva messe a nudo nascosto all'interno di una scatola posta sopra il muretto che delimita le docce dello spogliatoio. Secondo loro, come secondo la magistratura, a piazzare la telecamera sarebbe stato proprio il coach, per spiarne le conversazioni, o peggio, guardarle mentre si cambiavano o si facevano la doccia. Accuse che l'uomo, difeso dall'avvocato Emilio Marcon, ha sempre respinto. Quelle immagini, se mai fossero state effettivamente registrate, non sono finite in nessun supporto magnetico tra quelli nelle mani degli inquirenti. La perizia disposta sul materiale informatico posto sotto sequestro aveva dato infatti esito negativo: nessun filmato delle pallavoliste era salvato nel computer, nelle chiavette usb, nei dvd e nei cd trovati nell'abitazione dell'allenatore. Ciò non toglie che per la Procura sarebbe stato comunque lui a piazzare la telecamera e non sarebbe riuscito a portare a termine i suoi piani solo perchè scoperto dalle presunte vittime, le quali in aula hanno tutte affermato che una volta trovato l'occhio elettronico, sarebbe stato proprio l'allenatore a portarlo a casa.