Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I giudici veneziani passano dai 39 anni del primo grado ai poco più di 17 anni

TRAFFICO DI COCA NELLA MARCA: CONDANNE DIMEZZATE IN APPELLO

I verdetti dell'operazione "Estrella del Veneto" della Squadra Mobile


TREVISO - (gp) Da 39 anni di condanne si è passati a poco più di 17. La Corte d'Appello di Venezia ha più che dimezzato le pene inflitte in primo grado a cinque degli imputati finiti a processo al termine dell'operazione della Squadra Mobile di Treviso, denominata “Estrella del Veneto”, che aveva sgominato un traffico di cocaina che dal Sudamerica arrivava attraverso dei corrieri ovulatori in Spagna e quindi nella Marca, e portato alla chiusura del ristorante “Il Taino” di Dosson. I giudici veneziani, accogliendo le tesi difensive degli avvocati Alessandra Nava, Fabio Crea, Carlo Cianci e Polo Nieri, hanno ridotto anche il totale delle multe comminate dal gup Umberto Donà in primo grado, passate da 170 mila a poco più di 80. Alla sbarra tutti cittadini dominicani considerati i vertici dell'organizzazione, capace di portare a Treviso ingenti quantitativi di polvere bianca e di gestirne lo smercio. Il boss, Sandrache Alejandro Reynoso Madrigal, è stato condannato a 5 anni e 30 mila euro di multa, Manuel Antonio Fernandez Vargas a 4 anni e 8 mesi e 20 mila euro, Carlos Antonio Mercedes Ramirez a 4 anni e 14 mila euro, Teo Josè De La Rosa Acosta a 2 anni e 2 mesi e 14 mila euro, e infine Steven Alexander Brito Morel a un anno e 11 mesi e 5 mila euro di multa. In tutto, nel novembre dello scorso anno, a processo erano finite 18 persone: cinque avevano scelto la via del patteggiamento della pena (complessivamente 9 anni di carcere), sette erano state rinviate a giudizio e sono tuttora in attesa della sentenza di primo grado. I cinque processati ieri a Venezia erano stati giudicati con rito abbreviato.