Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO il materiale recuperato ha un valore di oltre 100mila euro

IN CASA UN DEPOSITO DI REFURTIVA, TRE DENUNCIATI

Coinvolti un kossovaro 25enne, la moglie 52enne ed il cugino


VEDELAGO - Decespugliatori, trapani, idropulitrici, compressori, una macchina del caffè rubata dal centro anziani, divise e palloni del Vedelago calcio ma anche cerchioni d'auto e altro materiale. Oltre mille pezzi in tutto per un valore di circa 100mila euro. Questo materiale, recuperato dai carabinieri, era stipato nel garage di un kossovaro di 25 anni, pluripregiudicato per furti. Oltre allo straniero i militari hanno denunciato per ricettazione anche la moglie, una 52enne commessa di Castelfranco ed un cugino del balcanico di 34 anni. La merce, rivelano gli investigatori, sarebbe stata inviata nei Balcani durante questa settimana. La refurtiva era talmente tanta che il 25enne aveva chiesto ad un amico di poterne tenere una parte. A mandare a monte il piano dello straniero sono stati i carabinieri che domenica all'alba si sono recati da lui per perquisire l'abitazione e mettere sotto sequestro la merce. I militari seguivano i suoi movimenti fin dai primi giorni di dicembre: durante un inseguimento con una “gazzella” dei carabinieri il giovane abbandonò l'auto con cui stava scappando e riuscì a dileguarsi. A bordo del mezzo vennero ritrovate taniche di gasolio, refurtiva ed il telefono cellulare del 25enne: grazie ai tabulati telefonici gli investigatori sono risaliti a lui. Le parole del comandante, Salvatore Gibilisco.

Galleria fotograficaGalleria fotografica