Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, due attività controllate, nel 2013 oltre un milione di sanzioni

TUBO DI GOMMA PER COLLEGARE IL GAS: LABORATORIO A RISCHIO ESPLOSIONE

Ditta cinese ispezionata in via Verdi, impianto sigillato da Ascotrade


VEDELAGO - Avevano utilizzato un tubo in gomma, simile a quelli utilizzati normalmente per irrigare, come una sorta di prolunga per formire il gas metano anche in una stanza diversa da quella in cui si trovava l'erogatore. Un impianto artigianale e pericolosissimo quello scoperto all'interno di un laboratorio tessile cinese di via Verdi a Vedelago durante un controllo della task force composta da polizia, vigili del fuoco, Guardia di Finanza, Dtl, Inail, Inps, Spisal e polizia locale. L'attività del laboratorio è stata ora sospesa: due dei cinque lavoratori sorpresi al lavoro erano "in nero". Ascotrade ha inoltre provveduto a sospendere l'erogazione di metano alla ditta: il rischio di perdite di gas e conseguenti esplosioni era infatti molto forte. All'interno di una seconda ditta cinese impegnata nella fabbricazione di accessori per abbigliamento da moto, a Barcon, la task force delle forze dell'ordine non ha invece trovato gravi violazioni ad eccezione di un operaio irregolare. Il materiale prodotto, commissionato da due note aziende del settore, sarà analizzato dalla Guardia di Finanza. Complessivamente durante il 2013 sono state 15 le ditte cinesi ispezionate, 140 i lavoratori controllati e tra questi ben 60 erano "in nero". Le sanzioni complessivamente comminate da Dtl, Inail e Inps, ammontano a circa un milione di euro.