Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si erano opposti a un decreto penale di condanna da 200 euro a testa

INFERMIERI NON ISCRITTI ALL'ALBO: ASSOLTI I 4 DIRIGENTI DELL'ULSS 9

Erano accusati di esercizio abusivo della professione in concorso


TREVISO – (gp) Assolti con formula piena perché il fatto non sussiste. Una vittoria su tutta la linea per i quattro dirigenti dell'Usl 9 finiti a processo per esercizio abusivo della professione in concorso. Presentando opposizione a un decreto penale di 200 euro a testa con gli avvocati Simone Guglielmin e Massimo Montino, hanno resistito all'azione della procura di Treviso e hanno dimostrato la totale correttezza e bontà del loro operato. Stiamo parlando di Roberto De Nes, 56 anni di Belluno, Mario Francesco Messina, 61 anni di Monza, Cristina Bortoluzzi, 44 anni di Vittorio Veneto, e Renato Andreazza, 57 anni, di Loria. L'inchiesta riguardava sei persone impiegate come infermieri professionali pur non essendo iscritti all’albo, come previsto dalla legge. Accusa che aveva fatto finire sotto inchiesta sia i sei infermieri (per loro il decreto penale di condanna era di 250 euro a testa) che i quattro dirigenti, rei di aver tollerato tale violazione. Se i primi hanno scelto di mettere mano al portafogli per evitare un processo che sarebbe costato molto di più della multa, i secondi hanno invece scelto di non lasciare alcuna macchia sul loro operato, a costo di dover sborsare migliaia di euro per dimostrare di fronte al giudice la loro estraneità ai fatti. Secondo l’accusa i sei dipendenti dell’Usl 9 (gli infermieri che poi all'Albo si sono effettivamente iscritti) dal marzo 2006 al giugno 2010 avrebbero esercitato abusivamente la professione, svolgendo mansioni legate alla prevenzione delle malattie, ma anche all’assistenza di malati e disabili senza esserne abilitati. Quattro anni e tre mesi in cui questa situazione sarebbe stata tollerata dai dirigenti che si sono susseguiti alla direzione del personale. In realtà la questione era diversa, come hanno sempre sostenuto le difese dei dirigenti: non si trattava di "finti" infermieri ma di infermieri professionali che lavoravano da anni e che semplicemente non si erano adeguati alla normativa che imponeva l'iscrizione all'ordine professionale.